52403        
@ SOCIAL         Facebook             instagram-1581266_960_720                                        

                        

                                   Utilizzo delle immagini coperte da copyright 52401

 

                                                                                             fungo-immagine-animata-0002

                                                                   ventennale1_jpg

                                                                                                  XXXXXXXXXXXXXXX


                                                         Nel circolo polare artico un fungo magico. 
                                       
                      Amanita muscaria


                                                                              Fotografia Ennio Genduso
                                          Clicca     P1160658_amanita_muscariaWeird Nature: queste renne amano i funghi magici.

                                                                                   
                                                                                               XXXXXXXXXXXXXXX



Incontro con un daino durante un'escursione alla ricerca di funghi.
Scappati da un recinto della Forestale tra gli anni 80 e gli anni 90, i daini hanno conquistato il territorio delle Madonie. Li si incontra in montagna, tra valli e radure o anche a bordo strada, spesso anzi impegnati in pericolosi attraversamenti.


                                                                 cervo-immagine-animata-0021

                               Fotografia Giovanni Caruso
                   DSC_3744_mod
                      
                                                                                            XXXXXXXXXXXXX


Visita a Palazzo Belmonte Riso per l'esposizione della Casa delle Farfalle, un giardino tropicale con tantissime farfalle rare e colorate (23 marzo 2019).

farfalla-immagine-animata-0265
                                                  
                                 Fotografia Giovanni Caruso
                    Casa_delle_farfalle
                                                                                                          farfalla-immagine-animata-0025

                                                                                                                    XXXXXXXXXXXXX


Escursione naturalistica - Periplo del lago di Rosamarina - Caccamo (16 marzo 2019).

                                                                              passo-immagine-animata-0010

                                Fotografia Giovanni Caruso
                     Lado_di_Rosamarina

                                                                                              XXXXXXXXXXXXX


Pholiota highlandensis

                           Fotografia Giovanni Caruso
                     7_Serradaino

                                                                                                                     XXXXXXXXXXXXX

Hygrocybe pratensis
Bellissimo fungo, riconoscibile con facilità per la sua colorazione; infatti possiede un cappello di color albicocca, beige, carnicino chiaro.
Possiede lamelle spesse, spaziate e decorrenti, di colore crema od albicocca, ma con tinte più sbiadite rispetto al colore del cappello. 
La carne è da biancastra (al centro) ad albicocca (verso la periferia).
Non ha nè odore nè sapore particolare.
Cresce di preferenza nei prati, nelle radure ed ai margini dei boschi, in autunno. 


                       Fotografia Giovanni Caruso
                    Hygrocybe_pratensis

                                                                                            XXXXXXXXXXXXX

Escursione naturalistica - Cascata di San Nicola (09 marzo 2019) 
     

                                                                     passo-immagine-animata-0010

                       Fotografia Giovanni Caruso
                    IMG_20190309_105551

                                   Poiana in volo
                                             DSC_1470

                                                                                                                     XXXXXXXXXXXXX

Macrolepiota procera
Il nome deriva dall"aggettivo latino "procerus/procera/procerum" che significa alto, lungo, grande.
È un fungo conosciuto col nome popolare di "mazza di tamburo" ed è la "specie tipo" del Genere Macrolepiota.
Si tratta di un fungo a sporata bianca (leucosporeo) e di notevoli dimensioni.
Possiede un cappello provvisto di umbone ed è decorato di squame.
Non ha volva ma il gambo possiede un anello doppio (ben visibile nelle foto) scorrevole sul gambo.
Quest'ultimo, slanciato e fibroso, è decorato da disegni zebrati ed è provvisto di un bulbo alla base.
È un fungo saprofita, cioè ricava il nutrimento da materia organica in decomposizione.
È commestibile, ma è prudente non mangiare una Macrolepiota il cui diametro del cappello sia inferiore ad 8 cm. per non confonderle con le tossiche, se non mortali, Lepiota.



                    Macrolepiota_procera

                                                                                                                        XXXXXXXXXXXXX


Fistulina hepatica
Fungo di facile determinazione per il colore che la superficie superiore, cioè quella sterile, assume ricordando il rosso-fegato, passando da toni più aranciati quando è giovane a più scure brunastre a maturità. 
Altra caratteristica che lo rende facilmente riconoscibile è la sua forma a mensola simile ad un lingua, da cui il nome popolare di "lingua di bue".
Ulteriore caratteristica consiste nel possedere un attributo inconsueto per i funghi a pori e tubuli: questi ultimi si possono ben separare l'uno dall'altro.
Si tratta di un fungo che è un discreto commestibile ed è uno dei pochi che si può mangiare crudo senza correre rischi.


                               Fotografia Giovanni Caruso
                    Festulina_hepatica

                                                                                          XXXXXXXXXXXXX

Escursione naturalistica - Parco delle Madonie (02 marzo 2019)  - Sentiero Portella Colla per raggiungere il pianoro di Piano Cervi.
                                               

                                                     passo-immagine-animata-0010
    
                      Fotografia Giovanni Caruso
                    Portella_Colla

                                                                                                                    XXXXXXXXXXXXX


 Sarcosphaera coronaria
Conosciuto anche coi nomi di S. crassa e di S. eximia, è un fungo ascomicete con crescita semipogea, inizialmente sferoidale per essere poi a forma di coppa avente i margini incisi e suddivisi in lobi triangolari: in pratica a maturità si apre a stella. 
La superficie esterna è bianca mentre l'imenoforo è di color violetto.
È una specie tossica che predilige la primavera e cresce sotto aghifoglie.
Il suo consumo provoca una "Sindrome Gastrointestinale"


                                     Fotografia Giovanni Caruso
                        Sarcosphaera_coronaria

                                                                                                                  XXXXXXXXXXXXX

Calvatia utriformis 
(Lycoperdon utriformis; Lycoperdon caelatum; Calvatia caelata)
Fungo di dimensione medio grande, da subgloboso a piriforme. A maturità nella zona sommitale, per iniziale disgregazione dell'esoperidio e dell'endoperidio, si forma una grande ed ampia apertura che a poco a poco si allargherà sempre di più; questa apertura permetterà alle spore, di colore brunastro, di disperdersi nell'ambiente circostante. 
Commestibile finchè la gleba è bianca, la si determina facilmente quando la massa sporale è volata tutta, lasciando su terreno una specie di coppa brunastra. 
È nota col termine volgare siciliano di "func'i tabaccu"

                               Fotografia Giovanni Caruso
                      Calvatia_utriformis

                                                                                                                      XXXXXXXXXXXXX

Tremella mesenterica.
Fungo di facile determinazione sia per la tipica colorazione gialla (che va dal giallo tenue al rosso d'uovo) sia per la forma caratteristica che assomiglia alle anse intestinali od alle circonvoluzioni cerebrali.
Saprofita, cresce su legno marcescente, generalmente ceppaie di latifoglie.
Possiede una carne di consistenza molle e gelatinosa ma tenace; odore leggermente fruttato e sapore dolciastro. Non commestibile.


                              Fotografia Giovanni Caruso
                    Tremella_mesenterica_2

                    Tremella_mesenterica_3

                                                                                                                    XXXXXXXXXXXXX

Trichaptum biforme
Basidiomicete avente un basidioma semicircolare a ventaglio, con bordo caratteristicamente violetto.
È pluriannuale e cresce su legno (rami e cortecce) marcescente e degradato di sughera.
Non è un fungo molto comune
ma lo si ritrova abbondante nei luoghi di crescita.


                                               Fotografia Giovanni Caruso
                                Trichaptum_biforme

                                                                                                                        XXXXXXXXXXXXX

Omphalotus olearius
Fungo molto diffuso e comune in tutti i tipi di habitat.
Possiede un cappello rosso arancio.
È imbutiforme quando è maturo.
Le lamelle sono fitte, sottili e decorrenti sul gambo, di colore giallo oro, giallo arancio.
È lignicolo: cresce su ceppaie o radici di latifoglie, compresi alberi da frutto (olivi, mandorli, ecc.)
Nonostante abbia un odore fruttato ed un sapore dolciastro, è un fungo tossico.
Il suo consumo provoca una sindrome a breve latenza a carico dell'apparato gastrointestinale.
In passato qualche raccoglitore occasionale e sprovveduto, lo ha confuso e scambiato per l'ottimo Cantharellus cibarius.


                                             Fotografia Giovanni Caruso                                                         
                                Omphalotus_olearius_1

                                                                                                XXXXXXXXXXXXXXX



Mycena seynii
Fungo di facile determinazione per le caratteristiche mofologiche e cromatiche ma anche per il particolare habitat di crescita: su pigne o strobili di Pinus spp.
Ha il cappello inizialmente conico campanulato, a maturità sarà disteso.
È fragile, striato in trasparenza fino a metà del cappello ed è di colore che va dal bruno al rosa ma con una caratteristica: al bordo è di una tonalità più chiara.
Le lamelle sono adnate di colore biancastro ma con sfumature rosate.
Anche il gambo, cosparso da una caratteristica peluria biancastra, è estremamente fragile.
La carne è esigua ed è priva di odore.
Deve il suo nome in omaggio al micologo e botanico francese Jules de Seynes, nato nel 1833 e deceduto nel 1912.


                                                 Fotografia Giovanni Caruso
                                 Mycena_seynii

                                                                                                  XXXXXXXXXXXXXXX


Leccinum lepidum
È un buon commestibile molto diffuso nelle leccete (Quercus ilex) siciliane.
Da molti raccoglitori inesperti viene confuso con il Boletus impolitus se non addirittura con i Boleti del gruppo edules.
Guardando attentamente il gambo, si noterà la tipica fioccosità che è presente nelle specie appartenenti al Genere Leccinum.
Ha cappello di colore che va dal giallo ocraceo fino al marrone.
I pori sono gialli ma che virano al bruno al tocco.
Il gambo è giallo con i fiocchi inizialmente concolori ma che poi diventano brunastri.
La carne, inizialmente soda e compatta ma poi mollacchia nel cappello, è di colore gialla che vira prima al rosa per poi assumere una tinta grigio brunastra.
Ha odore leggermente fruttato mentre il sapore è dolce.


                                             Fotografia Giovanni Caruso
                                leccinum_lepidum

                                                                                               XXXXXXXXXXXXXXX


Clathrus ruber
Fungo basidiomicete inconfondibile per la forma caratteristica.
Il basidioma è, nei primi stadi di sviluppo, a forma di ovolo avente alla base il tipico cordone miceliare bianco.
A maturità, dopo la rottura del peridio, si presenta come una gabbia di colore rossastro.
Alla base rimangono i resti del peridio formando una specie di volva bianca mentre nella parte superiore del corpo fruttifero, all'interno, è presente una sostanza mucillaginosa puzzolente, inizialmente verdastra infine bruna.
La carne è molto leggera (come la pietra pomice) e porosa; alla stadio di ovolo ha odore di radice mentre a maturità è nauseobondo, di carogna di animale in decomposizione.
Prediligere crescere nelle pinete ma non disdegna i sentieri ai margini dei boschi.


                                             Fotografia Giovanni Caruso e Ennio Genduso
                               Clathrus_ruber

                                                                                        XXXXXXXXXXXXXXX

Gymnopilus spectabilis
Fungo tossico, raggiunge taglie eccezionali con crescita cespitosa prevalentemente su tronchi sia viventi che marcescenti di latifoglie non disdegnando anche le conigere.
Il cappello è di colore giallo od arancio ocraceo.
Il gambo, sodo e robusto, è provvisto di un anello membranoso ascendente.
La carne, soda, compatta e gialla, non ha odore ma ha sapore amaro.


                                               Fotografia Giovanni Caruso
                                Gymnopilus_spectabilis_1

                                                                                                        XXXXXXXXXXXXXXX

Tremella foliacea
Si tratta di un fungo basidiomicete che fruttifica su ceppaie marcescenti.
Il basidioma, di colore brunastro che va dal marrone al bruno rossastro, è di consistenza elastico-gelatinosa ed è a forma di lamine ondulate sovrapposte, unite alla base nel punto di emergenza.
Può raggiungere anche discrete dimensioni fino a 15 cm di diametro.


                                            Fotografia Giovanni Caruso
                                Tremella_foliacea

                                                                                                   XXXXXXXXXXXXXXX

Clavulinopsis corniculata
È un fungo basidiomicete appartenente all'Ordine Agaricales, Famiglia Clavariaceae.
Il basidioma è di piccole dimensiomi: infatti è mediamente alto 6-7 cm.
Tutto lo sporoforo è di colore giallo.
Le spore sono bianche in massa ed i basidi sono tetrasporici.
Questo fungo cresce nei sentieri boschivi ed è presente in tutta l'Europa e nel Nord America.


                                                 Fotografia Giovanni Caruso
                                 Clavulinopsis_corniculata

                                                                                                 XXXXXXXXXXXXXXX


Trichaptum biforme
Basidiomicete avente un basidioma semicircolare a ventaglio, con bordo caratteristicamente violetto.
È pluriannuale e cresce su legno (rami e cortecce) marcescente e degradato di sughera.
Non è un fungo molto comune
ma lo si ritrova abbondante nei luoghi di crescita.


                                               Fotografia Giovanni Caruso
                                 IMG_20190223_171525
 
                                                                                                     XXXXXXXXXXXXXXX



Bisporella citrina
L'ascoma di questo minuto dischetto che colonizza piccoli rami di latifoglie, è costituito da un piccolo disco sessile (o provvisto di un minuscolo gambo con cui adesisce al substrato), di colore giallo vivo.
Anche la faccia inferiore, sterile e pruinosa, è giallina.
La carne è esigua, cassante ed è priva di odore.
Gli esemplari fotografati, stavano colonizzando un residuo di tronco di Quercus ilex (Leccio) marcescente e quindi in degradazione


                                               Fotografia Giovanni Caruso
                                Bisporella_citrina

                                                                                           XXXXXXXXXXXXXXX


Tremella mesenterica
Si tratta di un bellissimo fungo dai colori vivaci: la vistosa colorazione passa dal giallo tenue al rosso 'uovo.
È dotata di una consistenza gelatinosa elastica ed è priva di odori e sapori particolari.
Fruttifica su legname marcescente e degradato di latifoglie nei periodi particolarmente piovosi e quindi umidi.


         Fotografia Giovanni Caruso 
  Tremella_mesenterica_1Tremella_mesenterica

                                                                                                    XXXXXXXXXXXXXXX

Lago Scanzano vista dal Bosco della Ficuzza.

                                         Fotografia Giovanni Caruso 
                              DSC_3909

                                                                                           XXXXXXXXXXXXXXX

L'Oudemansiella mucida è uno dei funghi più belli in assoluto che cresce tipicamente su legno morto di faggio, a gruppi o isolata, dall'estate all'autunno.

        Fotografia Ennio Genduso
   P1160646_Oudemansiella_mucida P1160648_P1160646_Oudemansiella_mucida

                                                                                       XXXXXXXXXXXXXXX


Vista da Serra Daino - Pollina

                                       Fotografia Giovanni Caruso 
                             15590511_743493189132891_8102264483503496061_n

                                                                                             XXXXXXXXXXXXXXX


Capricci della natura. Forma teratologica di una Mycena rosea.
La teratologia è lo studio delle mostruosità e delle anomalie morfologiche di un individuo o parti di esso intesi come deviazioni di forma dal tipo fondamentale di una specie.
È abbastanza diffusa tra i funghi dove possiamo notare la divisione dicotomica del piede del ricettacolo, fasciazione del piede, inversione dell'imenio, fusione di due ricettacoli, ecc.
Ma proprio in micologia, agli occhi del micologo, questi caratteri non hanno niente di 'mostruoso': infatti poter reperire esemplari fungini con caratteri teratologici è sempre una occasione per apprezzare di più il meraviglioso mondo dei funghi.


                                Fotografia Giovanni Caruso
                     Mycena_rosea

                                                                                         XXXXXXXXXXXXXXX

Amanita muscaria
L'etimologia del nome deriva dal latino 'muscarius' cioè 'attinente alle mosche'.
Infatti nel passato, quando non esistevano i moderni insetticidi, una volta cosparsa di latte, veniva adoperata per uccidere le mosche.
È uno dei funghi più conosciuti sia perchè la sua presenza non passa inosservata per i colori vivaci sia perchè nel novecento è stato ampiamente utilizzato nella simbologia fiabesca, cinematografica e fumettistica. 
Probabilmente è stato Walt Disney il primo a farlo conoscere ed a utilizzarlo nei cartoni animati.
Nonostante la pessima fama e la brutta nomea che che si era fatto, non è tra i miceti più pericolosi del vasto Regno dei Funghi.
La sua presenza, spesso in diversi esemplari in un bosco, conferiscono a quest'ultimo un aspetto fiabesco. La si riconosce facilmente per il cappello rosso con verruche bianche, la volva dissociata in perle, per la carne bianca senza odore e per il sapore dolciastro.


                                              Fotografia di Giovanni Caruso e Ennio Genduso
                              IMG_20190219_184613

                                                                                         XXXXXXXXXXXXXXX


Helvella crispa
Fungo prevalentemente autunnale ma lo si trova anche in primavera.
Predilige i margini dei fossati e qualche volta l'interno dei boschi.
Contiene l' "acido elvellico", tossina termolabile e la "giromitrina", alcaloide presente in alcuni ascomiceti.
L'ingestione di questa tossina, che è una miscela di varie sostanze, può provocare una sindrome citotossica.
Infatti durante la cottura, oppure dentro lo stomaco (che è un ambiente acido) si trasforma in monometilidrazina che è una sostanza non solo irritante della mucosa gastrointestinale, ma tossica per le cellule epatiche e perchè determina la rottura dei globuli rossi. Inoltre è dotata di effetto cancerogeno.
Per questi motivi personalmente considero questo fungo velenoso, nonostante numerosi testi lo danno per commestibile dopo prolungata cottura.


                                   Fotografia Giovanni Caruso
                     Helvella_crispa

                                                                                                      XXXXXXXXXXXXXXX

Eruzione dell'Etna dicembre 2018

                             Fotografia Giovanni Caruso
                   Etna

                                                                                                XXXXXXXXXXXXXXX



Calocera cornea
Fungo a forma di piccolo corno, inizialmente gelatinoso, poi duro, di colorazione giallastra, senza odore significativo.
Cresce in autunno a gruppi di numerosi esemplari su legni in via di decomposizione di numerose latifoglie.


                                                  Fotografia Santo Tirnetta.
                                 IMG_20190219_184704


                                                                                                  XXXXXXXXXXXXXXX


Pleurotus eryngii var. ferulae
Di facile determinazione per il legame specifico con la Ferula communis, è un fungo che può raggiungere grandi dimensioni.
Ha un cappello di colore grigio bruno, lamelle bianche e decorrenti.
La carne è soda e compatta, odore leggero e gradevole e sapore dolce.
Cresce sia in autunno che in primavera sulle radici della Ferula communis da cui il nome dialettale di 'Func'i ferra'. Ottimo commestibile.


                                                  Fotografia Giovanni Caruso
                                 Pleurotus_eryngii_var._ferulae

                                                                                                          XXXXXXXXXXXXXXX


IL BUONO ED IL CATTIVO
Stiamo parlando dell'Amanita ovoidea (a sinistra nella foto) e dell'Amanita proxima (a destra).
Il primo è in fungo di grande taglia, completamente di colore bianco, margine del cappello ed anello burrosi, volva bianca, membranosa, a sacco ed ampia.
Odore salmastro e sgradevole e sapore dolciastro.
Considerata a lungo commestibile, ma di scarso valore, e consumato addirittura crudo in insalata da pochi estimatori, personalmente la riteniamo non commestibile a seguito di recenti segnalazioni di casi di intossicazione dopo il suo consumo (comunque casi ancora da verificare).
Il secondo fungo, l'Amanita proxima, è del tutto somigliante ma presenta una volva di color ocra fin da subito, l'orlo del cappello non è burroso e l'anello è ben evidente e persistente.
È una specie tossica: il suo consumo provoca la 'Sindrome Norleucinica'.



                                             Amanita_ovoidea

                                                                                              XXXXXXXXXXXXXXX


Gymnopilus spectabilis e ciclamini

                 Fotografia Giovanni Caruso
   Gymnopilus_spectabilis
                       
                                                                                                XXXXXXXXXXXXXXX



Schenella pityophilus (Pyrenogaster pityophilus)
Si tratta di un fungo europeo epigeo appartenente alla famiglia delle Geastraceae.
Descritto per la prima volta nel 1997 col nome Pyrenogaster pityophilus, a seguito di indagini molecolari è stato trasferito nel genere Schenella nel 2005.
I basidiocarpi si presentano come delle sferette di 1-2 cm di diametro.
Anche se ipogei, a volte si presentano in superficie.
La membrana che contiene la gleba si compone di tre strati: Exoperidio, Mesoperidio ed Endoperidio.
L'exoperidio è bianco ma diventa rosso alla manipolazione o semplicemente al contatto con l'aria, poi si scurisce leggermente. Il mesoperidio è bianco, carnoso, duro e compatto. L'endoperidio, inizialmente biancastro, è sottile e membranoso. Al suo interno è contenuta la Gleba, composta da una pseudocolumella basale circolare, nella quale sono disposti radialmente numerosi peridiolo di forma conica o a bottiglia. Questi ultimi a maturità si induriscono, diventano neri, deiscenti in modo da liberare le spore.
Cresce in un terreno sabbioso sotto pino domestico (Pinus pinea) formando grandi e distese colonie.
L'ultimo ritrovamento ufficiale in Sicilia è avvenuta nel 2004 ed è stato descritto nell'articolo "Pynerogaster pityophilus (Geastraceae), a new record from Sicily (S-Italy)" da Venturella G., Saitta A., Morara M., Zambonelli A.
Gli esemplari qui rappresentati sono stati reperiti nei primi di dicembre 2018 dal nostro amico Micologo Mario Prestifilippo in una pineta nei pressi di Castellammare del Golfo (Tp), con habitat prevalentemente di pino d'aleppo (Pinus halepensis), cipresso comune (Cupressus sempervirens) e leccio (Quercus ilex).


                                         Fotografia Mario Prestifilippo
                                    Schenella_pityophilus

                                                                                               XXXXXXXXXXXXXXX


Giorno 26 gennaio abbiamo partecipato ad una ulteriore iniziativa alla ricerca del tartufo siciliano. Il manipolo, circa una trentina di partecipanti, ha sfidato la mattinata grigia e plumbea "invadendo" il territorio destinato alla ricerca, sempre preceduti dai due magnifici lagotti, protagonisti assoluti di questa prima parte della giornata.
Il loro padrone, il nostro amico Mario Prestifilippo, è un Micologo che ha dedicato tutta la sua vita allo studio ed alla ricerca dei tartufi in tutto il territorio siciliano. Con somma pazienza, specialmente verso i numerosi curiosi, ha saputo sempre gratificare gli splendidi animali ad ogni ritrovamento mentre in contemporanea rispondeva in maniera esaustiva alle numerose domande poste dai partecipanti.



                     Ricerca_Tartufi



                                                                                                   XXXXXXXXXXXXXXX

Il 17 Gennaio del 2019 è stato presentato all'Assemblea Regionale Siciliana il Disegno di Legge che dovrebbe regolamentare in Sicilia la raccolta, la coltivazione e la commercializzazione dei tartufi freschi e/o conservati, il tutto in conformità con le normative nazionali e comunitarie.
Ciò è stato possibile grazie alla fattiva collaborazione della nostra Associazione con alcune altre Associazioni siciliane (tutte menzionate nel DDL) nonchè con l'Università di Palermo, Dipartimento SAAF.


                                 Fotografia Giovanni Caruso
                         1_Tartufi 2_Tartufi

                                                                     3_Tartufi


                                                                                                
XXXXXXXXXXXXXXX 



Clavulina coralloides
Fruttificazione medio piccola, di aspetto coralloide, con colorazione completamente bianca in ogni parte del basidioma, molto frequente sia nei boschi di conifere e latifoglie, è ritenuta non commestibile.
Possiede una carne tenera e fragile, bianca immutabile al taglio ed è priva di odore e sapore.
Non è noto alcun nome volgare siciliano.


                             Fotografia Giovanni Caruso
                  Clavulina_coralloides
 
                                                                                           XXXXXXXXXXXXXXX
 
 

La nostra Associazione a Lecce per il 79° Comitato Scientifico Nazionale.
Dal 7 all'11 novembre 2018 si è svolto il 79 ° Comitato Scientifico Nazionale dell'A.M.B., organizzato dalla Segreteria Organizzativa del C.S.N. con la collaborazione dei locali Gruppi dell'A.M.B. di Lecce, Galatina (LC) e Messagne (BR).
Questo evento ha avuto lo scopo di sviluppare lo studio e la mappatura della flora fungina dei vari ambienti che compongono il territorio del Salento.
Il ricco programma di escursioni a carattere turistico per i partecipanti e gli accompagnatori ha permesso di far conoscere i molti ambienti naturalistici e storici di questo particolare territorio.
Nel corso dei quattro giorni i partecipanti sono stati impegnati in escursioni guidate, sedute di lavoro al microscopio e presentazione di relazioni scientifiche.
Durante queste giornate i membri della nostra Associazione sono stati impegnati a determinare un Cortinarius appartenente al Sottogener Telamonia (probabilmente il Cortinarius vernus).
Le foto sono state scattate dai Micologi Russo A. e Mannina N. e rappresentano gli esemplari studiati nonchè la microscopia delle spore e della pileipellis.



                                  Cortinarius_vernus
     
                                                                                                XXXXXXXXXXXXXXX


Hygrophoropsis aurantiaca
Fungo tossico o sospetto di esserlo, avente le lamelle decorrenti di colore giallo-ocra, facilmente separabili dalla carne del cappello.
Viene spesso scambiato dai raccoglitori occasionali con il Cantharellus cibarius.
Quest'ultimo ha carne bianca, compatta e soda, è provvisto di pseudolamelle (pieghe lamellari) e non vere lamelle ed ha odore di frutta. Le foto sono state scattate nel bosco di Scorace (Tp) dall'amico Santo Tirnetta.


                             Hygrophoropsis_aurantiaca

                                                                                                      XXXXXXXXXXXXXXX

Amanita phalloides
L'ingestione di Amanita phalloides, sia cruda che cotta, provoca la cosìdetta "Sindrome falloidea".  Essa risulta essere la più frequente, temibile e mortale di tutte le sindromi a lunga latenza ed è caratterizzata da una mortalità di oltre il 20%, percentuale più elevata nei bambini. In Italia e non solo, l?Amanita phalloides è oggi la principale causa di decessi da ingestione di funghi, con numerose intossicazioni annue.

               Fotografia Giovanni Caruso         DSC_8300_ok

 
  
                                                                                               XXXXXXXXXXXXXXX


Blufi (Pa). Campo di Tulipani 


                               Fotografia Giovanni Caruso
                    1_Blufi

                                                                                              XXXXXXXXXXXXXXX
 
Con immenso piacere pubblichiamo la foto del nostro amico Santo Tirnetta che si è classificato primo alla seconda edizione del Concorso Fotografico di Micologia "Gino Bellato", organizzato dalla prestigiosa Associazione Micologica Bresadola.
La foto ritrae una lumaca che sta depositando le uova su un fungo (Gymnopilus spectabilis), ed è stata scattata nel Bosco di Rifesi (Ag).


                                                               Lumaca

                                                                                               XXXXXXXXXXXXXXX


Amanita rubescens
Fungo molto comune nei boschi siciliani, è commestibile dopo prolungata cottura in quanto contiene tossine termolabili.
Chiamata in dialetto "funciu pelis", possiede un cappello rosso brunastro con presenza di verruche piatte di colore grigiastro.
L'orlo del cappello è liscio. La carne è bianca ma tende lentamente ad arrossare verso ad un rosso vinoso.
La base del gambo è appuntita (bulbo napiforme). Volva non evidente e molto friabile.
La si potrebbe scambiate con la tossica Amanita pantherina, ma quest'ultima possiede l'orlo del cappello striato, placche bianche, carne anch'essa bianca ma non arrossante ed infine volva ben evidente.


                                             Fotografia Giovanni Caruso
                               Amanita_rubescens

                                                                                          XXXXXXXXXXXXXXX

 
Laetiporus sulphureus. 
È un fungo che può raggiungere dimensioni anche notevoli; è lignicolo ed ha una forma a mensola.
Di colore giallo, giallo-arancio, possiede un carne con debole odore di zolfo e sapore acidulo.
Predilige la crescita su tronchi viventi (è un fungo parassita) e marcescenti di Castagno, Carrubo, Querce, Eulipto ed altri.
È agente di carie bruna.
Chiamato comunemente 'Func'i carrubbu', e più raramente 'Lasca', è considerato commestibile da giovane, allorquando la sua carne è soda, compatta e succulenta; nel ragusano è molto apprezzato gastronomicamente ed è molto diffuso con crescita prevalentemente su carrubbo (da cui il nome dialettale).


                             Laetiporus_sulphureus.

                                                                                                  XXXXXXXXXXXXXXX

Clathrus ruber
Inconfondibile per la sua inconfondibile forma, questo fungo cresce soprattutto sotto pini, ma lo si ritrova anche ai margini dei boschi, lungo i sentieri e perfino vicino ai corsi d'acqua, dalla pianura sino in montagna.
La sua caratteristica consiste da fatto di avere il carpoforo a forma di gabbia, quasi sferica ma in ogni caso arrotondata, di colore rosso alla cui base si trova una pseudo volva, formata dal peridio, di colore bianco.
La carne è porosa e leggera tanto da essere paragonata a pietra pomice.
Quando il fungo si trova alla stadio di ovolo emana un odore di radice mentre a maturità è nauseabondo.


                 Fotografia Giovanni Caruso
     13_Clathrus_ruber   1_Clathrus_ruber

                                                                                                       XXXXXXXXXXXXXXX


Morchella esculenta var. vulgaris
Conosciuta col termine volgare di "funciu ventr'i pecura", è un fungo primaverile avente una mitra conica formata da alveoli irregolari poligonali di colore grigio (o bruno)-ocracei, delimitati da costolature a tinta più chiara.
Predilige boschi di latifoglie e misti.
Le foto, scattate dall'amico Santo Tirnetta, sono state realizzate nel Bosco di Ficuzza (Pa).


                                  Morchella_esculenta_var._vulgaris


                                                                                               XXXXXXXXXXXXXXX

 
La nostra Associazione al 6° Convegno Internazionale di Micotossicologia.
Questo Convegno, organizzato sempre e solo dall'AMB dopo sei anni dal 5° tenutosi a Milano, si è svolto a Perugia nei giorni 23 e 24 novembre 2018 ed ha coinvolto numerose associazioni micologiche come la nostra nonchè gli operatori sanitari: micologi, tecnici di prevenzione, medici, tossicologi, ecc.
Il tema di questa edizione è stata: I FUNGHI: SICUREZZA ALIMENTARE, ALIMENTI, INTEGRATORI ed ha avuto lo scopo di fare il punto, focalizzando sugli sviluppi più recenti, sulle principali tematiche micotossicologiche riguardanti i macrofunghi.
Sono state inoltre considerate alcune tra le più importanti esperienze scientifiche internazionali.
Infine si è esteso il concetto di Micotossicologia all'approfondimento di discipline e problematiche recenti quali la Micoterapia.

                                            Convegno_Perugia

                                                                                         XXXXXXXXXXXXXXX

 

Cantharellus lutescens Fr.) è un piccolo fungo dal cappello brunastro, imenoforo a pieghe poco rilevate di color rosa arancio, gambo liscio di color giallo arancio e carne con odore di frutta.
E' un buon commestibile, comunissimo al nord Italia dove lo si trova nei boschi alpini di abeti ma piuttosto raro qui da noi in Sicilia.
Questo fungo è facile da riconoscere per le evidenti caratteristiche morfologiche ed i colori particolari sopra descritti.
Lo si può confondere con il Cantharellus tubaeformis Fr., mai raccolto nei boschi della nostra Isola: quest'ultimo fungo presenta un imenoforo diverso e colorazioni meno sgargianti.
Gli esemplari fotografati sono stati trovati nei boschi dei Nebrodi.

           P1160935_Cantharellus_(=_Cratrellus)_lutescens P1160937_Cantharellus_(=_Cratrellus)_lutescens

                                                                                                      XXXXXXXXXXXXXXX



Convegno sul Genere Cortinarius - È in corso il seminario tenuto dal Prof. Giovanni Consiglio che ci sta fornendo utili informazioni sulla corretta determinazione delle specie appartenenti a questo Genere.

Un sentito ringraziamento a tutto il Gruppo AMB Jonico Etneo di Riposto per l'impegno profuso e la calorosa accoglienza in occasione del seminario sul Genere Cortinarius, tenuto dal Prof. Giovanni Consiglio. Puntuale e molto chiaro il suo intervento che è risultato comprensibile anche per coloro che non hanno dimestichezza con i termini micologici.


                                                   Fotografia Giovanni Caruso
                                 Convegno_Cortinarius


L'associazione Micelia parteciperà con alcuni suoi rappresentanti al Seminario di Micologia organizzato dal gruppo di Jonico-Etneo Riposto.


                                       Riposto

                                                                                                XXXXXXXXXXXXXXX



L'eclissi del 27 luglio 2018 è stata un'eclissi lunare in cui la Luna è passata attraverso il centro dell'ombra terrestre, causando un'eclissi totale.

                                                                                  luna-immagine-animata-0041

                                Fotografia Giovanni Caruso
                    Eclissi
             
                                                                                     XXXXXXXXXXXXXXX


Sarcoscypha coccinea
Piccolo ascomicete con crescita prevalentemente invernale, allorchè i boschi si presentano praticamente spogli e con colorazioni smorti: il colore rosso scarlatto dell'apotecio di questo funghetto rallegra lo spirito di tutti gli appassionati e dimostra che i boschi sono sempre vitali anche nei periodi più freddi.


                                                   Fotografia Giovanni Caruso
                                      Sarcoscypha_coccinea

                                                                                          XXXXXXXXXXXXXXX




Giornata delle Oasi. Grande successo di pubblico presso il centro visite della Riserva Torre Salsa. In presenza delle autorità' compreso il comandante provinciale dei Carabinieri e' stata presentata una relazione sul bracconaggio, tema dominate della manifestazione, che è culminata con la liberazione di un aquila minore. L'associazione Micelia è stata presente con una mostra fotografica di funghi spontanei epigei.

                                           Fotografia Giovanni Caruso
                             IMG_20190215_105725



Come consuetudine, la nostra associazione sarà presente alla Giornata delle Oasi WWF di Torre Salsa. http://www.wwftorresalsa.com/2018/05/giornata-delle-oasi-2018-torre-salsa.html?m=1


                                                      Oasi_WWF
  
                                                                                               XXXXXXXXXXXXXXX



Amanita caesarea
Conosciuta e molto ricercata fin dall'antichità con il nome di "cibo per gli imperatori", è un fungo ottimo commestibile.
Predilige i boschi di latifoglie, principalmente querce e castagni, preferibilmente in terreni silicei, poco fitti ed abbastanza soleggiati.
Queste i suoi principali caratteri generali: cappello, con orlo striato, di colore arancione; lamelle e gambo di colore giallo; volva a sacco di colore bianca.
È conosciuta in Sicilia col nome  di "funciu d'ovu" mentre in alcune zone è chiamata anche "funcia di castagna".


                  Fotografia Giovanni Caruso                                                                                                                                         
                 DSC_5152_Amanita_caesarea

                                                                                             XXXXXXXXXXXXXXX


Rispettando il programma delle attività associative, sabato abbiamo raggiunto la località di Viagrande in provincia di Catania dove si trova la Casa delle Farfalle: una grande serra tropicale in cui le farfalle (anch'esse tropicali) sono libere di volare. Ci troviamo all'interno del Parco Naturale Monteserra. 30 apr. 2018. 


                                                                     farfalla-immagine-animata-0265
                                              Fotografia Giovanni Caruso
                                IMG_20180428_221144 IMG_20180428_222339

                                IMG_20180428_223746 IMG_20180428_224402


                                                                                               XXXXXXXXXXXXXXX

                                                                                                                    

La nostra associazione oggi era presente al convegno che si e' tenuto all' Universita' di Palermo facolta' di Agraria, sulla tematica il "Tartufo in Sicilia".


             Fotografia Giovanni Caruso
Tartufi_100
            

                                                                             XXXXXXXXXXXXXXX


Un sentito e caloroso ringraziamento va indirizzato a Salvatore ed a Nicolino per aver messo a disposizione le proprie competenze e le proprie conoscenze durante l'escursione di sabato 9 Giugno organizzato per poter osservare il maestoso volo dei grifoni.
Questi splendidi "avvoltoi" dall'apertura alare di circa 3 metri, sono stati reintrodotti in Sicilia ed oramai fanno parte dell'avifauna del Parco dei Nebrodi. 

                                                                            avvoltoio-immagine-animata-0016
                                                                       
                        Fotografia Giovanni Caruso
Grifoni
    

                                                                                                  XXXXXXXXXXXXXXX


Partecipazione con numerosa delegazione al Seminario dal tema: Nuove tecniche utilizzate nella classificazione dei funghi. Approccio alla biologia molecolare applicata in micologia (Relatore Prof. Orlando Petrini) - Siracusa - 27 maggio - Presso l'Hotel Relax, sito in via E. Aliffi 9 .

      0


                                                                                                             XXXXXXXXXXXXXXX



In occasione della Sagra della Castagna di Mezzojuso (ott/2017) oggi la LIPU con la presenza di scolaresche ha liberato 2 splendide Poiane, dopo essere state curate nel Centro Recupero Fauna Selvatica di Ficuzza.

              
Fotografia Giovanni Caruso          
           P1160723P1160727P1160728 

                                                                                                                XXXXXXXXXXXXXX



                   corso_2017

                                                                                                 XXXXXXXXXXXXXX

Anche oggi siamo presenti alla Sagra della Castagna di Mezzojuso, e nonostante la grave siccita' che sta colpendo la nostra regione siamo riusciti a mettere in mostra alcune specie fungine.

           
Fotografia Giovanni Caruso
          Castagneto_Mezzojuso

                                                                                          

 
L' associazione Micologica Micelia sarà presente per la Sagra della Castagna a Mezzojuso.
Ultimo weekend di ottobre 27, 28 e 29 ottobre 2017 - Mezzojuso (PA).


                     Mezzojuso

                                                                                       XXXXXXXXXXXXXX



                 calendario_corso_definitivo_a4

                                                                                        XXXXXXXXXXXXXX

Gambarie è una località montana del comune di Santo Stefano in Aspromonte, in provincia di Reggio Calabria.

                          gambarie


                                       Elenco delle specie fungine ritrovate a Gambarie


                                      Gambarie1Gambarie2


                                      Gambarie3Gambarie4


                                      Gambarie5Gambarie6


                                      Gambarie7Gambarie9



                                                                                            XXXXXXXXXXXXXXX



Grande successo ha ottenuto il corso di formazione micologica richiesto da numerosi raccoglitori di Cammarata e dell' agrigentino. Il corso e' stato organizzato per soddisfare le esigenze degli appassionati ed e' mirato al rilascio dell' attestato necessario per l' ottenimento del tesserino che abilita la raccolta dei funghi spontanei epigei. Il successo e' stato raggiunto grazie al fattivo interessamento di Enzo Li Gregni.

                   Fotografia Giovanni Caruso
              20161105_113943    20161105_120953

                                                                                                XXXXXXXXXXXXXXX


                                Corso_2016


                                                                                                    XXXXXXXXXXXXXXX



Mitrophora semilibera 
È un ascomicete che fruttifica in primaverile prediligendo le immediate vicinanze di corsi d'acqua in prossimità di Pioppi, Olmi, Frassini, Acero campestre e Biancospini.
Secondo alcuni autori dovrebbe essere collocata nel Genere Morchella; secondo altri autori, per consistenza della carne e diversa morfologia degli alveoli, è giustificata la sua collocazione nel Genere Mitrophora.
Contiene tossine termolabili che vengono annullate dopo adeguata e prolungata cottura rendendola commestobile.
Spesso viene confusa con la Morchella elata ma il diverso habitat di crescita (la Morchella elata preferisce generalmente le conifere) e la diversa attaccatura della mitra (cappello) al gambo sono gli elementi che ci consentono di evitare errori. Le foto sono state scattate nel bosco di Scorace dall'amico Santo Tirnetta.



      Mitrophora_semilibera

                                                                                         XXXXXXXXXXXXXXX



                              lettera_ringraziamento_mezzojuso
 


                                                                                         XXXXXXXXXXXXXXX

L'associazione Micelia sarà presente alla manifestazione: i soci accompagneranno i visitatori come guida per esplorare il bosco alla scoperta di entità micologiche e botaniche.


                  IMG-20161004-WA0013

                                                                                            XXXXXXXXXXXXXXX

                                 Corso_Mezzojuso_2016
       

                                                                                             XXXXXXXXXXXXXXX



Si e' concluso con grande interesse ed entusiasmo il corso micologico valido per il rilascio del tesserino per la raccolta dei funghi spontanei epigei, che si e' svolto Partinico, si ringrazia per l'interessamento il Comune di Partinico ed il Prof. A. Marchese.


                                 Partinico


                                                                                                  XXXXXXXXXXXXXXX


                                 locandina_caccia_e_pesca


                                                                                              XXXXXXXXXXXXXXX
                                                                                                
                                                                                                                                                           freccia-immagine-animata-0275

      Rivista  Rivista_Articolo_Funghi-1

                                                                                            XXXXXXXXXXXXXXX



                              ANNULLO_FILATELICO


                                              Utilizzo delle immagini coperte da copyright  

                                                                       fungo-immagine-animata-0005



  WWF
                                                                                                                    

                                                                                              IYF2011

              Amb
                                                                                                                                                                             Volontariato








 
 
 
           Sito web curato da                  Giovanni Caruso e Ennio Genduso.

             fungo-immagine-animata-0013

         
Google


 

                       
                      
 Ricordo a tutti i soci che le attivita' in associazione riprenderanno ogni martedi alle 18.00.
Il presidente Ennio Genduso.


 
        micelia

                                         
     dal 1999
   

         Amb  
                    


   
DIVENTA SOCIO 2019 

                         
52408
hp_img7
         
 

 
                   hp_img1



       
BBC     national_geographic



Filmati che ci mostrano come crescono i funghi.                                               
  Clicca    funghi_termini


                      Meteo

        Meteo_1

                        Meteo Radar
     
  Meteo



         80580

        E_S_C_U_R_S_I_O_N_I_2018.


 
  
              fungo-immagine-animata-0035




 Articolo su rivista "Funghi"
                          freccia-immagine-animata-0275
 
                       80581
 



 


                     Libri AMB

                amb_funghi_d_italia3 















 
Site Map